RUBRICA: La Settimana della Sicurezza

La Settimana della Sicurezza firmata Area 81:
– Sopralluogo presso un Centro di Formazione nella provincia di Lecco e presso una società che si occupa di assemblaggio di macchine industriali.
– Redazione Documento di Valutazione dei Rischi e suoi allegati per un impresa di pulizie, una società di autotrasporti e una società che si occupa del commercio all’ingrosso di apparecchiature elettroniche.
– Formazione Sicurezza Lavoratori presso un Ufficio di Consulenza e uno Studio di Commercialisti associati.
– Formazione Addetto al Carrello Elevatore e Antincendio Rischio Basso presso una società di assemblaggio di macchine industriali.🏗🧐

Buon fine settimana autunnale a tutti.🌰😊🌰

Correre da soli o in gruppo?

La volta scorsa abbiamo visto quanto sia determinante la forza di volontà nel raggiungere un obiettivo, di come ci sentiamo attivi ed energici quando siamo spinti dalla passione ma anche di come, a voler far tutto di testa propria, si corre il serio rischio di trovarsi soli nel gestire momenti di crisi o di difficoltà.

Abbiamo constatato che questo atteggiamento si puo’ riscontrare anche in chi decide di iniziare un’attività imprenditoriale e di come, pur determinato verso la meta, potrebbe comunque trovare intoppi sul percorso o addirittura ritrovarsi a ko se non ci si è mossi con gli aiuti giusti.

Oggi per avviare un’impresa, non basta essere dotati di capitali e fiuto per gli affari ma sono indispensabili piu’ figure tecniche e specializzate che aiutano l’imprenditore a fare le scelte adeguate, salvaguardandolo al meglio da incidenti di percorso piu’ o meno clamorosi.

E’ finita l’era del “ho sempre fatto così”, “faccio come dico io”, “vado avanti di testa mia”.

La realtà è cambiata e insieme alle nuove opportunità di crescita, ai nuovi settori emergenti, all’introduzione di nuove tecnologie e processi, è aumentata anche la complessità dei regolamenti e delle leggi, con cui prima o poi ci si scontra.

Per dare avvio ad un’azienda sana ed efficiente non basta il tanto famigerato business plan (che ansia!) ma occorre fare i conti con un’infinità di variabili difficilmente gestibili in autonomia.

Quindi vuoi per l’”ignoranza” nelle diverse materie, vuoi per mancanza di tempo vuoi perchè “Ogni ofelèe al fà ‘l so mestè (per chi non sa di dialetto milanese: “ogni pasticcere fa il suo mestiere”), la scelta giusta, ponderata, ragionata e piu’ intelligente è quella di affidarsi al consulente.

Consulente: Professionista a cui si ricorre per avere consiglio (cit. Enciclopedia Treccani)

Il “consulente” è colui il quale consiglia l’imprenditore nelle scelte.

Mi piace ogni volta che ho l’occasione ribadire anche ai miei collaboratori che il termine “consulente” è chi, prima di tutto, fornisce dei consigli.

Il consulente oltre ad un profilo professionale ha quindi anche una funzione etica!

E’ palese che le decisioni finali spettino sempre al titolare / datore di lavoro, ma credo che considerare i consigli di professionisti sia un gesto di grande umanità sia nel darli sia nel prenderli in considerazione.

Consigli in campo finanziario, consigli di tipo fiscale, consigli nel campo immobiliare, consigli sulla sicurezza del lavoro.

Provenienti non da un unico consulente (impossibile essere tuttologi) ma da singole figure specializzate.

I due consulenti piu’ noti e riconosciuti sono sicuramente il commercialista, per esteso “consulente fiscale e amministrativo” e il consulente del lavoro:

  • Il commercialista: da sempre la figura cardine per i neo imprenditori o per quelli piu’ navigati. Un tempo forse l’unica figura riconosciuta ufficialmente, a cui affidarsi per ogni tipo di esigenza o di tipo aziendale. Al commercialista si faceva riferimento per definire i budget, per avere un indirizzamento sulla alla scelta della tipologia contrattuale contrattuale con i lavoratori o per la scelta dell’Istituto di Credito. Ora la materia fiscale è talmente articolata da impegnare totalmente il consulente fiscale, lasciando le competenze specifiche ad altri professionisti
  • consulente del lavoro: meglio conosciuto anche come come consulente delle “paghe” anche se in modo riduttivo. Tra le funzioni ci sono infatti la gestione degli inquadramenti del personale, la mediazione con gli enti per gli aspetti di carattere pensionistico previdenziale.

Altrettanto necessari sono ormai il consulente immobiliare e il consulente in materia di sicurezza sul lavoro.

Il primo per il bisogno pratico di trovare una locazione al progetto immobiliare, il secondo per attuare le politiche adeguate affinchè nessuno si faccia male o si ammali sul lavoro.

Il gruppo dei professionisti della sicurezza e consulenti ambientali, di cui faccio parte, vengono in genere chiamati alla fine, ad azienda avviata per “mettersi in regola”, come se la sicurezza fosse solo un aspetto cartaceo-documentale, ultimo in ordine cronologico e visto come ultimo anche come importanza.

In realtà anche, se sembra strano l’esperto di sicurezza del lavoro deve entrare in scena all’inizio, anche in fase progettuale, meglio insieme al consulente immobiliare perchè molte questioni devono essere considerate in un’ottica di insieme.

Faccio un esempio: acquisto il capannone “visto e piaciuto”, ho accesso ai finanziamenti, programmo il trasloco dei macchinari, assumo i lavoratori e avvio la produzione.

La mia attività è però una falegnameria che per essere in regola richiede adeguate aspirazioni delle polveri, camini di scarico e porte di emergenza con larghezza adeguate, oltre ad un adeguato numero di idranti…

Peccato che non ho nulla di tutto cio’.

Se per i corsi di antincendio posso correre ai ripari (correre nel vero senso della parola, dato che le sanzioni per inadempienze sono di tipo penale), mi risulterà sicuramente piu’ oneroso (a volte impossibile?) allargare le porte o realizzare un anello idrico interrato per avere acqua a sufficienza in caso di emergenza…

Ci dovevo pensare prima?

Forse una collaborazione preliminare tra due esperti consulenti avrebbe scongiurato una situazione di questo tipo.

Sappiamo che “fare impresa” significa declinare tanti altri aspetti in relazione alla singola realtà, molti dei quali vanno valutati insieme e con largo anticipo, pianificati e analizzati e ragionati da piu’ punti di vista, anche attraverso l’occhio di piu’ consulenti.

Dare vita ad un progetto imprenditoriale nella complessa realtà di oggi è sempre meno una scommessa e sempre di piu’ un lavoro di squadra, per il quale tutti i giocatori devono essere convocati prima della partita…

Sei vuoi andare veloce, corri da solo. Se vuoi andare lontano, corri insieme a qualcuno !!!

E tu, sei un libero battitore o uno che fa gruppo?

Vado a riunire la mia squadra

Diego

 

RUBRICA: La Settimana della Sicurezza

La Settimana della Sicurezza firmata Area 81:
– Formazione sul Primo Soccorso Aziendale presso la nostra sede coccolati da un buon caffè offerto dal nostro reparto amministrativo.
– Formazione Carrellisti presso una società di Onoranze Funebri della quale vi alleghiamo video che come un “claster” da un immagine gioiosa dei discenti 😂😇😂
– Formazione Sicurezza Lavoratori Rischio Basso presso una società di commercio all’ingrosso di abbigliamento e accessori sportivi.
– Redazione Documento di Valutazione dei Rischi e allegati per una società che si occupa di installazione di impianti idraulici, per un Bar – Tavola Calda e per una Villa posta sulle rive del Lago di Como che ospita un giardino botanico ed una casa museo.

Buon inizio di settimana a tutti 🧐😊🧐

Azioni “silenziose”per aiutare il Pianeta

Non mi vogliano male i miei ex colleghi di università “Scienziati Ambientali”, sicuramente piu’ bravi di me nel suggerire questo tipo di consigli e mi perdoneranno se scrivero’ qualche strafalcione o se qualche azione sembrerà ridicola…il senso è pero’ questo:

 

…dopo tutto sto casino, migliaia di studenti piu’ o meno informati scesi in piazza, titoli e controtitoli quotidiani sullo stato di salute del pianeta, sostenitori o detrattori della minorenne svedese piu’ amata e odiata (parlane bene, parlane male ma intanto nella comunicazione ha vinto lei), COSA POSSIAMO FARE SINGOLARMENTE per ridurre il consumo di energia?

 

Quali sono i piccoli gesti quotidiani che possono davvero ridurre il consumo di energia elettrica (corrente) ed energia termica (combustibili e carburanti) e quindi anche le emissioni di CO2 e inquinamento?

 

Ricordiamo che al momento si sta morendo piu’ per inquinamento dell’aria e dell’acqua che non per l’aumento della temperatura del pianeta di pochi decimali di gradi centigradi.

 

Non sono interessato a schierarmi tra chi sostiene che la causa dell’alterazione del clima sia per effetto delle azioni dell’uomo o tra chi è convinto che si tratti di una variazione fisiologica del pianeta come già successo nel corso dei millenni passati.

 

Intendo solo dare un piccolissimo contributo, un elenco “silenzioso” di proposte, in maniera easy, senza alterarsi 🙂

 

Mi divertirò quindi ad elencare le AZIONI CONCRETE per consumare meno energia, ridurre l’inquinamento e ridurre gli sprechi che, a mio parere, avrebbero dovuto comunicarci insieme agli slogan.

 

Se fate caso sono tutte a costo economico zero, proprio per non creare gli alibi di non poterle fare.

 

Non propongo soluzioni costose come comprare la macchina elettrica o interventi non realizzabili in molti casi come mettere i pannelli solari, o azioni non sempre possibili come l’uso dei mezzi pubblici.

 

Si tratta di piccole variazioni di abitudini che, se applicate quotidianamente e da tutti, possono davvero produrre delle differenze.

 

..non è forse vero che sono le azioni che cambiano le cose, non gli scioperi, non le chiacchere da bar, non i salotti televisivi e nemmeno le conferenze sul clima senza un piano operativo?…

 

Riporto prima alcuni dei consigli piu’ noti per aiutare l’ambiente anche se, come dicevo, non tutti si possono attuare o perchè richiedono un discreto esborso economico o perchè semplicemente non si possono fare.

Eccone alcuni:

 

  • acquistare auto elettrica
  • acquistare elettrodomestici A+++
  • installare serramenti piu’ isolanti termicamente
  • installare caldaia piu’ performante
  • installare pannelli solari termici e/o fotovoltaici

 

Ecco ora i suggerimenti a costo zero euro a cui mi riferivo:

 

  • Spegnere TV o luci nelle stanze dove non c’è nessuno:

Puo’ scappare a tutti (soprattutto quando ci sono bambini!). Provate ogni tanto a fare un giro per casa per spegnere il non necessario…

 

  • Chiudere l’acqua del rubinetto quando si lavano i denti: 

Per i maschietti anche quando ci si rade…

 

  • Usare l’acqua fredda per lavarsi i denti:

A meno di essere in una baita a 2000 metri forse l’acqua di casa non è mai così fredda da non poterla sopportare…

 

  • Fare le scale al posto dell’ascensore:

 

  • Solo se non si hanno borse della spesa!!:

Scherzi a parte…provate…un po’ di fiatone fa solo bene e risparmiamo un sacco di energia elettrica…

 

  • Pagare le bollette da casa: 

Una vera azione concreta che vi consente di risparmiare tante cose insieme: la corrispondenza cartacea, il carburante dei mezzi postali (furgoni e motorini dei postini).

fatevi subito recapitare tutta la corrispondenza online e risparmierete anche le spese di spedizione della posta tradizionale

 

  • Mettere i cibi caldi…in frigo:

E’ incredibile per quante ore rimangano calde le lasagne o il minestrone…aspettate che siano quasi freddi prima di riporli in frigorifero ed eviterete consumi da record da parte del nostro elettrodomestico principale (per raffreddare i cibi bollenti)..che ricordiamo funziona 24 ore su 24!

 

  • Autoproduzione del cibo:

Produrre pizza, pasta o pancake in casa è facilissimo e costa meno dei prodotti pronti; in piu’ riducete gli imballaggi e il consumo di carburante che utilizzereste per andare ad acquistarli al supermercato.

 

Consumare il cibo prima che scada:

Purtroppo il tempo vola e ci si ritrova a buttare prodotti come formaggi freschi o insalate che scadono rapidamente (con tanto di confezione di plastica!)…per poi doverli ricomprare raddoppiando consumo di energia e imballaggi che poi si buttano di nuovo.

 

  • Usare la bicicletta:

Ci sono sempre alcuni spostamenti che possono essere affrontati montando in sella…e lasciando l’auto ferma.

Ovviamente intendo la bicicletta classica senza aiuti elettrici come invece ha la “e-bike”! pedalare senza aiuti aiuta di piu’ il cuore e la salute in generale…e anche l’ambiente puo’ dire grazie perchè avanziamo senza consumo di corrente! 

 

  • Fare il tagliando regolarmente:

Eseguire regolarmente le manutenzioni ad auto e moto nei tempi e chilometri prestabiliti consente un funzionamento ottimale dei motori che possono così funzionare con emissioni nocive al minimo

 

  • Con l’auto evitare partenze a razzo e ridurre gli “stop and go”:

Partire in piena accelerazione tirando tutte le marce non serve a meno di gareggiare come Fast And Furious..

Mantenere invece auto (o moto) a velocità costante, riducendo brusche frenate e brucianti ripartenze, aiuta a ridurre i consumi di carburante, di freni e di gomme!

 

  • Cercare di accorpare in un unico ordine gli acquisti online (meglio ancora da un unico fornitore):

Acquistare insieme piu’ prodotti online anzichè uno per uno eviterete di buttare una montagna di carta e cartone.

 

  • Riparare le cose:

Puo’ capitare che si buttano jeans o camicie solo perchè saltano i bottoni…magari ci sentiamo costretti a liberarci di quelli a cui siamo piu’ affezionati! vi assicuro che c’è ancora chi ripara per pochi euro: è tutto un risparmio che coinvolge la filiera del prodotto (meno rifiuti, meno energie per smaltirli, risparmio del consumatore perchè si rimanda l’acquisto)

 

  • Evitare le ore di punta (anche per le ferie…):

Nonostante i buoni consigli dei TG ancora assistiamo a partenze (e rientri) di massa negli stessi giorni e soprattutto negli stessi orari. Magari anticipando o tardando le partenze di qualche ora ridurremmo code bibliche e consumi gratuiti di carburante (e di sistema nervoso)

 

  • Parcheggiare lontano dall’ingresso dei supermercati:

Siamo sempre alla ricerca del posto davanti all’ingresso del supermercato. Potremmo invece provare a parcheggiare un po’ piu’ lontano dove il posto è sempre libero, spegnendo subito il motore (riduzione emissioni) e guadagnando anche in salute per fare qualche passo a piedi in piu’ prima di entrare all’Esse…

 

Si potrebbe proseguire ancora e ancora, come optare per il fruttivendolo per frutta e verdura in modo da avere tutto in una busta eliminando gli imballaggi e così via…avanti con la fantasia…

 

Ma per ora fermiamoci qui perchè, come si dice…meglio pochi (consigli) ma buoni!

 

E voi, quali altri suggerimenti vi vengono in mente per essere piu’ “Amici della Terra” o, per essere in linea con gli slogan di oggi, “Planet Friendly”?

 

Vi saluto! vado a riempire la borraccia termica…….:))))))))))))

Diego

RUBRICA: La Settimana della Sicurezza

La Settimana della Sicurezza firmata AREA 81:
– Redazione Documento di Valutazione dei Rischi per un Istituto di Bellezza, un azienda che produce Software, una società che si occupa di impiantistica idraulica.
– Formazione per la Conduzione dei Carrelli Elevatori ad una società che si occupa della fabbricazione di prodotti chimici ad uso industriale.
– Formazione sul Rischio Biologico ad un gruppo di Operatori Socio Sanitari e Ausiliari Socio Assistenziali.

Una Settimana all’insegna della Formazione – Informazione e Addestramento…..una Settimana in linea con il nostro “Core Business”.🧐♥️🧐

Auguriamo a tutti un Buon Inizio…..😊

RUBRICA: La Settimana della Sicurezza

La Settimana della Sicurezza firmata AREA 81:
– Formazione Sicurezza Lavoratori presso uno studio di Consulenza del Lavoro vicino a noi.😊
– Formazione Antincendio Rischio Basso presso una casa funeraria. 🙏
– Redazione Documento di Valutazione dei Rischi e suoi Allegati per una società di confezionamento di biancheria da letto e arredamento, una società nel settore dell’avvolgimento elettrico e automazione industriale ed una Cooperativa che si occupa della produzione di componenti meccanici ed assemblaggio di minuteria metallica che rientra in una Struttura Protetta che aiuta il reintegro nel mondo del lavoro di persone socialmente svantaggiate.

Che la Sicurezza sia con voi 🤣