12 mesi dopo = 10 consigli per le vacanze

 

Oggi il GDPR compie un anno!

 

Il 25 maggio dell’anno scorso entrava in vigore il Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali.

 

Durante questi 12 mesi abbiamo letto, studiato e “tradotto” per i nostri clienti le novità di questo Regolamento, che ha cambiato in termini operativi la gestione dei dati aziendali.

 

A noi è sempre interessata la sostanza e, anche in questo caso, pur trattandosi di novità per tutta l’Europa, abbiamo cercato l’essenza del Regolamento per capire nella pratica cosa si dovesse fare per allinearsi alla nuova “privacy”.

 

E siccome abbiamo lavorato per l’intero anno (e speriamo di continuare a farlo per i prossimi!) questa volta intendo utilizzare il post in maniera piu’ rilassata, non per fornire il classico elenco di cose da fare per essere in regola, ma per darvi qualche informazione utile su selfie, foto, protezione smartphone e uso di social… per quando sarete in vacanza!

 

Vi ho spiazzato vero? pensavate ad classico post come: “GDPR: cosa è cambiato un anno dopo” oppure “rivediamo insieme gli obblighi per le aziende in materia di trattamento dati ad un anno esatto dal GDPR?”. 🙂 🙂 🙂

 

Per queste info e per un’adeguata consulenza privacy aziendale abbiamo tutto il tempo! poichè siamo solo agli albori di questa nuova era digital in cui si muovono e si incrociano in rete milioni di informazioni personali…

 

Per ora fermiamoci un attimo e, se avete piacere, leggete questi consigli…sono sicuro che ne troverete almeno uno utile!

 

  1. Quando fate selfie o foto al mare o in montagna, potreste riprendere altre persone che magari non vogliono apparire online; accertatevi che siano d’accordo.
  2. Quando postate foto di minori (anche i vostri figli) sarebbe meglio rendere irriconoscibile i loro volti…So che un viso pixellato o nascosto da un cuore o una stellina potrebbe compromettere la bellezza della foto ma ricordiamoci che gli scatti potrebbero finire in mano a malintenzionati.
  3. Per godere di maggior privacy disattivare dal telefono la funzione di geolocalizzazione, in modo da non far sempre sapere dove ci troviamo.
  4. Sappiamo che il periodo estivo è il piu’ “remunerativo” per i ladri…pubblicare foto in tempo reale di quando siamo in ferie equivale a dichiarare che la casa è vuota (ancor peggio scrivere il giorno di inizio e di fine del soggiorno!!!)
  5. E’ buona regola non accettare sempre l’amicizia degli amici degli amici. Spesso si tratta di persone non conosciute a sufficienza, ma solo di vista…
  6. Quando usiamo la wi-fi del luogo per consultare le mail o i social o info in rete, ricordiamoci poi di “uscire” dall’account rimuovendo ogni impostazione che consenta di salvare le proprie credenziali in quel browser di navigazione.
  7. Evitare comunque di fare acquisti online con carta di credito durante queste connessioni offerte da bar, ristoranti, stabilimenti balneari, se non si è certi degli standard di sicurezza.
  8. Nei momenti di relax è facile scaricarsi nuove applicazioni per svago, fotoritocco, solitari…Accertatevi di acquistare dai colossi conosciuti, per non ritrovarvi poi il telefono con virus o malware (software pericolosi) o una sgradita attivazione al costo di 5 euro a settimana…
  9. Ricordatevi di eseguire sempre gli aggiornamenti automatici del vostro smartphone, magari alzando la protezione con antivirus o antispam specifici.
  10. E, infine, non per ultimo (anzi il consiglio dei consigli) sforzarsi di cambiare regolarmente le vostre password! evitando nomi e date di nascita dei familiari o dei vostri animali domestici…

 

E mi raccomando protezione solare!!!

 

Buon 25 maggio a tutti.

Diego

 

ps: per la formulazione dei consigli è stato consultato il sito: www.garanteprivacy.it