Il prete ha commesso peccato, per aver permesso ad un volontario di lavorare in chiesa su una scala ad un’altezza considerevole senza adeguate misure di protezione.

Il volontario si è poi fatto male cadendo dalla scala.

Ecco il fatto:

Infortunio accaduto in una chiesa a un lavoratore che, utilizzando una scala dell’altezza di tre metri circa, è caduto nel mentre stava svolgendo dei lavori di pitturazione.

Il parroco è stato condannato anche in Cassazione per delitto di lesioni personali colpose con violazione della normativa antinfortunistica.

Ricordiamo che oltre i 2 metri il lavoro è considerato lavoro in quota e quindi vanno adottate tutte le misure di prevenzione e protezione richieste dalla normativa

 

Se ne deduce che

Così come il datore di lavoro è responsabile della sicurezza dei propri lavoratori, anche il parroco ha la direzione dell’attività della parrocchia e assume la posizione di garanzia nei nei confronti di chi presti, anche occasionalmente e su base volontaria, il proprio lavoro al suo interno, rispondendo pertanto delle eventuali lesioni personali.

Per saperne di piu’

https://www.puntosicuro.it/sicurezza-sul-lavoro-C-1/rubriche-C-98/sentenze-commentate-C-103/sulla-responsabilita-del-parroco-per-un-infortunio-AR-18896/